Grazie!

  • Print

19/12/2011

Grazie, Comune di Rho, per aver rifiutato di cooperare con chi viola la Legge internazionale

La Rete degli Ebrei contro l'Occupazione (Rete-ECO) vuole esprimere il suo appoggio alla città italiana di Rho, che ha reso pubblica una condanna della ditta Pizzarotti e della Mipien S.p.A., e agli attivisti della campagna Ferma quel Treno, che hanno denunciato l'attività criminale di queste imprese.

Pizzarotti, che è controllata dalla Mipien SpA, in associazione con la compagnia israeliana Shapir Engineering, sta attuando un progetto illegale di costruzione di una linea ferroviaria tra Gerusalemme e Tel Aviv su terra Palestinese occupata. Il progetto comporta il passaggio della ferrovia per 6.5 Km della West Bank occupata, e richiede la confisca di terre ai proprietari Palestinesi nei villaggi di Beit Iksa e Beit Sourik e la costruzione di barriere ed ostacoli che limitano gli spostamenti dei Palestinesi nella loro terra. Questo progetto è una chiara violazione della Quarta Convenzione di Ginevra.
Riteniamo che nessuna compagnia deve approfittare dello sfruttamento coloniale di terre e popoli occupati. Per questo, invitiamo tutti i nostri membri a ritirare i loro investimenti nella Mipien S.p.A. e nella Pizzarotti fino a che queste compagnie non rispettino la legge internazionale. Questo disinvestimento, tuttavia, non pregiudica l'azione legale che si deve intraprendere contro le attività criminali delle compagnie associate. Inoltre, invitiamo le banche tedesche, italiane e di altri Paesi di cessare l'offerta di credito a Mipien S.p.A e a Pizzarotti, perchè anche questo costituirebbe un approfittare dello sfruttamento illegale dell'occupazione militare della Palestina da parte di Israele.


a nome della Rete-ECO

             dott. Paola Canarutto