Documenti

I candelotti lacrimogeni israeliani sono diventati un'arma letale

Il Manifesto, 13 Dicembre 2011

alt

RAMALLAH / Ancora un palestinese ucciso dal gas «CS»

L'esercito israeliano ha mirato e colpito a morte Mustafa Tamimi, 28 anni, durante la manifestazione pacifica contro il Muro di venerdì scorso a Nabi Saleh, nei dintorni di Ramallah. Lo dicono chiaramente le foto scattate e diffuse da un giornalista presente, Haim Scwarczenerg: una granata di lacrimogeno, sparata dal retro di una camionetta militare israeliana a una distanza inferiore di dieci metri, gli ha provocato una profonda ferita in testa, uccidendolo dopo alcune ore passate tra la vita e la morte in ospedale.

Lire la suite : I candelotti lacrimogeni israeliani sono diventati un'arma letale

È guerra aperta nel sud

Il Manifesto, 13 Dicembre 2011

Lire la suite : È guerra aperta nel sud DAMASCO, UN SOSTENITORE DI BASHAR AL-ASSAD E DEGLI HEZBOLLAH LIBANESI/FOTO REUTERS

SIRIA · Si affrontano ormai in battaglia esercito e disertori. Ieri nel caos il voto amministrativo

Sotto strette misure di sicurezza ieri si sono aperte le urne per le elezioni municipali in tutta la Siria. Si è votato per il rinnovo di 1.337 amministrazioni. Ma l'attenzione del paese è tutta rivolta ai duri combattimenti in corso da sabato scorso tra truppe governative e disertori nella regione di Lujah e nella cittadina di Busra al Harir.

Lire la suite : È guerra aperta nel sud

IRAQ Mission Accomplished

19 dicembre 2011

Per celebrare la vittoriosa ritirata degli USA dall'Iraq e per rinfrescare la memoria a molti interventisti di allora, trovate in allegato:

  *  La lettera inviata all'allora Presidente Berlusconi sottoscritta da quasi 1500 medici italiani.
  *  La saggia risposta del Presidente della Commissione Igiene e Sanita' del Senato, Sen. Tomassini.

Lire la suite : IRAQ Mission Accomplished

Laboratorio Torino

Il Manifesto, 13 Dicembre 2011

Un pogrom. Diciamola la parola, per terribile che possa apparire. Quello di Torino è stato un pogrom in senso proprio, come quelli che avvenivano nella Russia ottocentesca. O nella Germania degli anni Trenta. Di quei riti crudeli ha tutti gli elementi, a cominciare dall'uso distruttivo del fuoco, per liberare la comunità dall'intruso considerato infetto (per "purificarla", si dice). E poi l'occasione scatenante, trovata in un presunto - e falso - atto di violenza su una vittima per sua natura innocente (può essere il neonato "rubato", come qualche anno fa a Ponticelli o, appunto, la "vergine" violentata). E lo stato di folla che s'inebria della propria furia vendicatrice, convinta di compiere un "atto di giustizia".

Lire la suite : Laboratorio Torino

Israele si trova nel pieno di una guerra culturale

Haaretz, 11.12.2011

Lire la suite : Israele si trova nel pieno di una guerra culturale


La destra ha governato per un lungo periodo e ora, al suo 35° anno di gestione del potere e al 64° dalla fondazione dello Stato, si è posta il compito di rimodellare la fisionomia del paese senza quasi trovare opposizione.


Chiunque dica che si tratta di poche leggi irrilevanti porta la gente fuori strada; chiunque sostenga che è un procedimento reversibile ci vuole imbrogliare; chiunque affermi in modo rassicurante che è una fase passeggera sta tentando di ingannarci. Anche chi pensa che si tratta solamente di un tentativo di cambio di regime si illude in modo grave.

Ciò a cui assistiamo è una g-u-e-r-r-a.

Lire la suite : Israele si trova nel pieno di una guerra culturale