Riflessioni

Afghanistan, replica al ministro Terzi

PeaceReporter - la rete della pace. Quotidiano online e agenzia di servizi editoriali. Storie, dossier, interviste, reportage, schede conflitto, schede paese e buone notizie da tutto il mondo06/12/2011

Qualche appunto alla lettera a Repubblica del ministro degli Esteri Giulio Terzi “L'impegno dell'Italia non si ferma”

Il marchese Giulio Maria Terzi di Sant'Agata, ex ambasciatore italiano in Israele e Stati Uniti, oggi ministro degli Esteri del governo Monti, scrive il 6 dicembre una lettera sul quotidiano La Repubblica a proposito dell'Afghanistan, intitolata "L'impegno dell'Italia non si ferma".
"Non possiamo permetterci di disperdere quanto di positivo, ed è molto, costruito in questi anni", scrive il diplomatico.

Leggi tutto: Afghanistan, replica al ministro TerziTra i "numerosi ed evidenti segnali di progresso che non possono essere sottostimati", Terzi di Sant'Agata cita il fatto che "l'Afghanistan ha oggi istituzioni democraticamente elette". Curioso che a dirlo sia il membro di un governo non democraticamente eletto. A parte il cattivo gusto, ricordiamo al ministro l'imbarazzo della comunità internazionale in occasione delle scandalose farse elettorali messe in scena dal regime-fantoccio di Kabul.

I colossali e sfacciati brogli elettorali architettati nel 2010 dal presidente Karzai e dai signori della guerra suoi alleati - milioni di falsi voti affluiti da province dove avevano votato poche migliaia di persone - vennero denunciati dagli osservatori internazionali e dalla stampa mondiale. La legittimità democratica delle istituzioni afgane venne messa in discussione dalle stesse Nazioni Unite, organizzatrici del voto: lo statunitense Peter Galbraith, numero due della missione delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) si oppose all'insabbiamento dei brogli e per questo fu costretto a dimettersi dall'amministrazione Obama.

Leggi tutto: Afghanistan, replica al ministro Terzi

water is for settlers

al-haq  ewash


Israel’s violations of the International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights
with regard to the human rights to water and sanitation in the Occupied Palestinian Territory

September 2011


VII. ANNEX: AFFIDAVITS

Affidavit No. 6371/2011
Sworn Statement
After swearing to tell the truth and nothing but the truth, I, the undersigned, Sami Sadeq Mahmoud Sbeih, of Palestinian nationality, holder of ID No.919063842, born on 21 July 1955, a resident of al-'Aqaba, Tubas governorate, and the president of its village council, would like to declare the following:
Aqaba village is located in the al-Aghwar area (The Jordan Valley) and specifically in its northern part within the boundaries of Tubas governorate. The village is inhabited by 300 residents and contains 45 houses. It also has several organizations and institutions such as al-Haq Kindergarten – holds 130 boys and girls from al-'Aqaba and nearby communities, al-Amal Clinic, Salah al-Din al-Ayoubi Mosque, al-'Aqaba Unisex Primary School – holds about 80 students, Rural Women's Association, al-'Aqaba Cooperative Agricultural Association, al-'Aqaba Cooperative Association for the housing of immigrants, al'Aqaba Hope and Unity Club and a sewing factory belonging to the village and its residents.

Leggi tutto: water is for settlers

Vittorio: processo rinviato a 5 dicembre


La sesta udienza e' durata pochi minuti. Il processo e' stato subito aggiornato. Un'altro nulla di fatto.


vittorio
Leggi tutto: Vittorio: processo rinviato a 5 dicembre
Gaza, 24 novembre 2011, Nena News –Niente da dare anche la sesta udienza del processo ai rapitori ed assassini di Vittorio Arrigoni si è chiusa senza alcun esito di rilievo. Anzi, possiamo dire che oggi non c’è stata proprio l’udienza. Stamani, di fronte al prolungarsi di altri processi in corso davanti alla Corte Militare di Gaza City e al fatto che i testimoni, rimasti in attesa per ore, erano andati via, la Pubblica Accusa ha chiesto l’aggiornamento del processo. Il presidente della Corte ha accolto la richiesta e ha convocato le parti per il 5 dicembre.

Leggi tutto: Vittorio: processo rinviato a 5 dicembre

Kairos: i cristiani sono palestinesi, non minoranza


A due anni dal lancio del documento "Kairos Palestine", firmato dalle chiese palestinesi, il movimento è cresciuto in numero e coscienza politica. Accrescendo gli scambi con il movimento di solidarietà internazionale e in particolare con il Sudafrica.


Betlemme, 10 Dicembre 2011, Nena News – “Ora abbiamo una strategia più chiara per resistere all’Apartheid israeliano, sappiamo meglio come aderire alla campagna di boicottaggio internazionale e sappiamo confrontarci a dovere con queste masse di pellegrini cristiani che spesso vengono qui ignorandoci”. Queste le parole di Rifat Kassis, coordinatore del movimento Kairos Palestina, a due anni dal suo lancio. Il documento Kairos Palestina è nato nel 2009 dallo sforzo congiunto di rappresentanti delle diverse chiese e della società civile cristiana, rifacendosi  all’appello di condanna dell’Apartheid sudafricano lanciato da teologi neri sudafricani nel 1985. Alla conferenza per il secondo anniversario di Kairos Palestina, dal 4 al 9 Dicembre scorsi a Betlemme sono presenti patriarchi, arcivescovi, e sopratutto attivisti cristiani da tutto il mondo, Sudafrica compresa.

DSC02579
Leggi tutto: Kairos: i cristiani sono palestinesi, non minoranza

L'arcivescono ortodosso Atallah Hanna alla conferenza Kairos Palestina a Betlemme

“Questo è il momento” è la traduzione della parola greca Kairos. Nel 1985, il momento di denunciare l’abuso che il regime sudafricano, di fatto un regime cristiano,  ha fatto della religione per legittimare l’Apartheid come volontà di Dio, costruendo intorno al potere una vera e propria teologia dell’Apartheid, come spiega il teologo sudafricano Stiaan Van der Merwe a Nena News. Il regime Afrikaans  ha reintepreato la teoria della creazione, trovando nella Bibbia la giustificazione della supremazia razziale della popolazione bianca. Proprio come lo Stato di Israele si rifà oggi all’idea biblica del “popolo eletto da Dio” per legittimare le proprie politiche sul territorio della Palestina storica.

Leggi tutto: Kairos: i cristiani sono palestinesi, non minoranza

Palestina, stop alla violenza sulle donne


Come in tutto in mondo in questi giorni anche in Palestina è in corso un’iniziativa contro la violenza sulle donne. La campagna lanciata dal Programma WELOD della Cooperazione Italiana coinvolge oltre 200 organizzazioni di donne ed istituzioni. GUARDA IL VIDEO SPOT DELLA CAMPAGNA


welod
Leggi tutto: Palestina, stop alla violenza sulle donne

Gerusalemme, 05 dicembre 2011, Nena News – Le Nazioni Unite definiscono la violenza sulle donne una “pandemia globale” e “la più diffusa violazione dei diritti umani”. La violenza contro le donne è fisica, sessuale, psicologica, verbale, economica. Non si ferma di fronte ad età, nazionalità, classe, cultura. Proprio per la varietà degli aspetti e dei luoghi in cui avviene, un fenomeno del genere non è facilmente quantificabile. Le stime tuttavia ci rendono un quadro inquietante: 6 su 10 donne al mondo fanno esperienza di violenza perpetrata anzitutto da uomini a loro vicini, mariti, partner, padri, fratelli, zii, cugini, e poi da conoscenti, colleghi, cognati e, solo infine, da sconosciuti.

Leggi tutto: Palestina, stop alla violenza sulle donne