La Palestina a caccia di giustizia, Israele e Usa puniscono

20 gen 2015

Il senatore repubblicano Graham minaccia l’Anp di tagliare i fondi Usa. Netanyahu lancia una campagna di lobby globale per interrompere i finanziamenti alla Corte Penale.

Gerusalemme, 20 gennaio 2015, Nena News – Alle critiche seguono le minacce. L’amministrazione Obama aveva definito “controproducenti e tragicamente ironiche” l’adesione della Palestina alla Corte Penale Internazionale e la decisione della Corte stessa di aprire un fascicolo sulle possibili violazioni israeliane a partire dal 13 giugno 2014. Ora è il tempo della borsa.

Ieri da Gerusalemme dove si trova in visita con altri sei colleghi, il senatore Usa (repubblicano) Lindsey Graham ha minacciato l’Autorità Palestinese del taglio degli aiuti annuali inviati a Ramallah da Washington, nel caso denunci Israele all’Aia. Graham, che accusa i palestinesi “di bastardizzare il ruolo della Corte”, ha usato l’arma dell’interpretazione della legge: “Faremo grosse pressioni per mostrare il nostro disappunto. È già parte della nostra legge che ci richiede di interrompere i finanziamenti se il caso sarà portato avanti”.

Se taglio sarà – seppure il presidente Obama non ne abbia mai fatto parola – la situazione economica dell’Anp vivrebbe una crisi simile a quella del 2006, quando la comunità internazionale punì il popolo palestinese per aver votato “male”, recandosi alle urne e facendo vincere Hamas. Gli Usa girano ogni anno all’Anp 400 milioni di dollari, Israele trasferisce 120 milioni al mese in tasse (già congelati a seguito dell’adesione al Trattato di Roma da parte del governo di Ramallah).

La minaccia ben poco velata di Graham deve far preoccupare: con un Congresso a maggioranza repubblicana dopo le elezioni di medio termine, che hanno lasciato zoppo il democratico Obama, il timore di un taglio dei fondi non è del tutto improbabile.

E mentre gli Usa mettono sulla graticola il già debole Abbas, Israele punta direttamente alla Corte Penale. Nei giorni scorsi la leadership israeliana ha annunciato il via ad una campagna di lobby sui 122 paesi membri della Corte dell’Aia perché non finanzino più un ente che a Tel Aviv non piace (di cui infatti non è membro, per timore di vedervi trascinati i propri funzionari politici e militari). È già partito il giro di telefonate e gli incontri per convincere i paesi meno ortodossi in merito alla Corte a bloccare i finanziamenti.

Una mossa non nuova: in passato a subire lo stop dei finanziamenti era stata l’Unesco, colpevole secondo Israele di aver riconosciuto la Chiesa della Natività di Betlemme come patrimonio dell’umanità e di aver chiesto l’ingresso nel paese di una missione tecnica che valutasse l’impatto dell’occupazione sulla città di Gerusalemme.

La decisione della Corte di avviare un’inchiesta preliminare è “il massimo dell’ipocrisia e l’opposto della giustizia – ha sentenziato il premier Netanyahu domenica scorsa – Combatteremo con tutti i mezzi possibili e recluteremo altri per combattere tale assurdità. Non permetteremo che soldati del nostro esercito affrontino i tribunali internazionali”. Gli ha fatto eco il ministro degli Esteri, il falco Lieberman, che ha bollato la Corte come “un corpo politico che non rappresenta nessuno”.

I due – e l’attacco contro Hezbollah in Siria ne è l’ennesima prova – sono in piena campagna elettorale e usano il pugno duro contro quello che la società israeliana deve continuare a percepire come il nemico. I toni usati sono molto simili a quelli del passato, ma la preoccupazione che serpeggia oggi nelle stanze dei bottoni israeliane è palpabile.

Da parte palestinese, si tenta di perseguire la via del diritto internazionale, in assenza totale e assordante di negoziati credibili con la controparte. “Non ci sarà mai pace senza giustizia”, ripetono i palestinesi che incontriamo ogni giorno in tutta la Palestina storica. Si va, perciò, a caccia di giustizia sperando che la prossima preda sia la pace, la pace giusta. Nena News

 

- See more at: http://nena-news.it/la-palestina-a-caccia-di-giustizia-israele-e-usa-puniscono/#sthash.OlcG2x10.dpuf">http://nena-news.it/la-palestina-a-caccia-di-giustizia-israele-e-usa-puniscono/#sthash.OlcG2x10.dpuf

Additional information