Siria

Siria, in 4 milioni a rischio malnutrizione

 

La metà sono bambini, spiega Save The Children. Il conflitto ha fatto crollare il sistema produttivo. Prezzi raddoppiati e insufficienti aiuti umanitari.

 

24 settembre 2013

Bambini siriani rifugiati in Turchia (Foto: AP Photo/Khalil Hamra)
Bambini siriani rifugiati in Turchia (Foto: AP Photo/Khalil Hamra)

Roma, 24 settembre 2013, Nena News - Quattro milioni di civili - di cui oltre la metà bambini - a rischio di malnutrizione dopo due anni e mezzo di guerra civile: è questo il drammatico bilancio del conflitto siriano, secondo il rapporto pubblicato ieri da Save The Children.

Read more: Siria, in 4 milioni a rischio malnutrizione

'Moral superpower'? Give me a break

logoGrey.gif

01.09.13

 

What would happen If Israel were to use chemical weapons? Would the United States also say to attack it? [...] [Israel] has already used weapons prohibited by international law - white phosphorous and flechette rounds against a civilian population in Gaza, and cluster munitions in Lebanon - and the world did not raise a finger. And few words are needed to describe the weapons of mass destruction used by the United States, from the nuclear bombs in Japan to napalm in Vietnam.

Read more: 'Moral superpower'? Give me a break

American Jews Divided on Syria Strike, Many Oppose AIPAC

Informed Comment, 07/09/2013

 

AIPAC doesn’t represent the views of most American Jews, who are substantially to its left on politics.            [...]

Read more: American Jews Divided on Syria Strike, Many Oppose AIPAC

Profughi della Siria, diario dal Libano

 

La testimonianza di Olga Ambrosiano, cooperante nel campo di rifugiati palestinese di Burj al-Shemali per l'associazione Ulaia

 

16 settembre 2013

Una casa del campo di Burj al-Shemali (Photo Stefan Christoff - Electronic Intifada)
Una casa del campo di Burj al-Shemali (Photo Stefan Christoff - Electronic Intifada)

Beirut, 16 settembre 2013, Nena News - Vivo qui parecchio tempo all'anno, ai bordi del campo di Burj al Shemali e ormai quando mi muovo all' interno del campo c'è chi mi chiama per nome e chi mormora "Assomoud", per farmi capire che mi ha riconosciuto. Prima, mi chiedevano per quale progetto lavorassi, oggi invece mi chiedono i voucher, l'una tantum che alcune organizzazioni internazionali distribuiscono ai profughi dalla Siria.

Read more: Profughi della Siria, diario dal Libano

Spasibo, Moscow, for saving the U.S. from itself and averting war

logoGrey.gif

12.09.13

 

If not for Russia’s intervention, the Tomahawks would already be on the way.

Read more: Spasibo, Moscow, for saving the U.S. from itself and averting war

Additional information