PALESTINA. Società civile e politici contro l’accordo per il gas tra Israele e Anp

20 feb 2015

La campagna Bds, sostenuta da partiti politici, tra cui membri di Fatah, chiede lo stop alla vendita di gas naturale del bacino del Leviatano: “Un altro caso di pace economica che non tiene conto delle reali condizioni del popolo palestinese”.

Roma, 20 febbraio 2015, Nena News – “No agli accordi economici con Israele, visto che il rapporto è tra occupante e occupato”: questo il messaggio inviato dalla società civile palestinese all’Autorità Nazionale che da un anno lavora con compagnie israeliane ad un accordo per la vendita di gas naturale del famoso bacino del Leviatano.

Mentre la Casa Bianca avverte del timore di un definitivo collasso dell’Anp a causa del congelamento del trasferimento delle tasse palestinesi da parte di Israele (che secondo il Protocollo di Parigi del ’95 raccoglie per Ramallah le tasse dei palestinesi), a premere sul presidente Abbas sono le organizzazioni palestinesi e politici, anche di Fatah. Pietra dello scandalo è l’accordo che l’Anp ha firmato con Israele, 1,2 miliardi di dollari per la vendita di gas alla Cisgiordania per i prossimi 20 anni.

L’appello arriva ad un mese dalla decisione della Giordania di sospendere le trattative (dopo una petizione firmata a dicembre da 8mila giordani) con due compagnie, la statunitense Noble Energy e l’israeliana Delek Group, per la vendita di gas naturale dallo stesso bacino marino, il ricco Leviatano, sul quale aveva messo le mani anche la Turchia con un accordo che prevedeva la costruzione congiunta turco-israeliana di un gasdotto che giungesse direttamente in Europa.

Le due compagnie a gennaio 2014 avevano strappato una firma anche alla società Ppgc, Palestine Power Generation Company. Il gas dovrebbe arrivare direttamente nell’impianto elettrico di Jenin. Ma oggi il comitato palestinese del Bds (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) alza la voce: martedì in conferenza stampa politici e attivisti hanno accusato Ramallah di aver stretto un accordo segreto che non tiene in considerazione le legittime aspirazioni palestinesi all’autodeterminazione e il controllo che Israele esercita sulle risorse naturali palestinesi, sotto il controllo di Tel Aviv.

Si tenga conto delle alternative, chiedono: prima gli accordi per la vendita di gas con paesi come Qatar e Venezuela avevano una durata di uno o due anni, ma ora si parla di un contratto di 20 anni con compagnie israeliane. Un accordo che ha mosso anche le organizzazioni anti corruzione palestinesi: “Pensiamo ci sia dietro un caso di corruzione perché non esiste una legge che monitora il settore, un settore altamente corrotto”, ha detto Azmi Shuaibi di Aman, watchdog palestinese.

“Questo accordo peserà sul popolo palestinese per un periodo lungo – ha aggiunto Khalida Jarrar, esponente del Fronte Popolare e membro del Consiglio Legislativo Palestinese – La gente non è partner di questo accordo”. Non si tratta, ha aggiunto la Jarrar, di un passo verso la pace ma di una normalizzazione delle relazioni tra palestinesi e israeliani che non tiene conto dei reali rapporti sul terreno.

Non sarebbe la prima volta che business palestinesi optano per la via comoda della “pace economica”, promossa dal segretario di Stato Usa Kerry e rilanciata negli anni scorsi dall’iniziativa “Breaking the Impasse”, formata da 200 imprenditori palestinesi e israeliani. Fare la pace, facendo affari. Così si era giunti a gennaio 2014 alla firma dell’accordo da 1.2 miliardi di dollari per la vendita di 538 miliardi di metri cubi di gas israeliano all’impianto di Jenin, la cui costruzione costerà 300 milioni di dollari e dovrebbe coprire l’8% del fabbisogno energetico della Cisgiordania.

All’epoca non erano mancati i plausi da parte delle compagnie israeliane coinvolte: “La cooperazione economica condurrà verso la prosperità e la crescita – aveva detto Yitzhak Tshuva, azionista di controllo della Delek Group – Contribuirà alla promozione del rispetto reciproco e della fiducia tra palestinesi e israeliani, vera base per la pace”.

Alla campagna Bds e a sacche di politici palestinesi la pace economica appare, invece, come un altro trucco per togliere dal tavolo del negoziato, inesistente, questioni centrali per il popolo palestinese: il diritto al ritorno dei profughi, lo status di Gerusalemme, la questione dei prigionieri politici e ovviamente il controllo di risorse naturali e frontiere. Nena News

 

http://nena-news.it/palestina-societa-civile-e-politici-contro-laccordo-per-il-gas-tra-israele-e-anp/

Additional information