Profughi palestinesi

Uccisi profughi palestinesi

il Manifesto, 17.05.2013

DAMASCO - Il resoconto di un giornalista accusa l'Esercito libero siriano

Nel giorno della «nakba», i ribelli siriani sparano sui manifestanti in fuga dai campi

Le voci che mercoledì si erano rincorse sull'uccisione di alcuni palestinesi che manifestavano nel campo profughi di Yarmouk, a Damasco, hanno trovato conferma. Sky News ha pubblicato il resoconto di Tim Marshall, direttore di Foreign Affairs, presente alla manifestazione per l'anniversario della Nakba a Yarmouk. «Sapevamo cosa stava per succedere e allora abbiamo indossato elmetti e giubbini anti-proiettile. I manifestanti sapevano cosa stava per accadere, non avevano alcuna protezione ma continuavano a camminare dritti verso la linea del fuoco», ha riferito Marshall. I manifestanti, ha proseguito, erano per lo più palestinesi siriani, molti dal distretto di Yarmouk, fuggiti dopo che il campo è stato preso dalle forze di opposizione otto mesi fa. Qualcuno ci ha gridato: «Per favore, dite al mondo la verità! Non vogliamo i ribelli qua, vogliamo che l'esercito li uccida!». Alcuni portavano con sé foto del presidente Assad, altri le bandiere palestinese e siriana.

Read more: Uccisi profughi palestinesi

Nakba Day: Una vita da rifugiati

 

Cosa significa essere profughi palestinesi? Che significato ha assunto il diritto al ritorno per i palestinesi all'esterno della Palestina?

 

15 maggio 2013

NEWS_135014.jpg

Roma, 15 maggio 2013, Nena News - Adham è nato e cresciuto nel campo profughi di Yarmouk, a Damasco. "Sono un palestinese di 'Akka" racconta. "Mio nonno è scappato dalle milizie sioniste e si è rifugiato qui, in quella che un tempo era una grande tendopoli". Diversa è la storia di Mohammed, 20 anni, palestinese. "La mia famiglia viene da Haifa, sono nato in Iraq, siamo scappati durante la guerra, ci siamo trasferiti in Siria, a Yarmouk". Ora Mohammed è fuggito dal drammatico conflitto che sta colpendo la Siria. Vive a Beirut, da alcuni parenti, rifugiati, che non conosceva nemmeno.

Read more: Nakba Day: Una vita da rifugiati

Siria. A Yarmouk i ribelli sparano ai civili

 

Il giornalista Marshall, presente alla manifestazione di ieri, conferma: l'Esercito Libero Siriano ha aperto il fuoco contro i palestinesi in marcia. Quanti morti?

 

16 maggio 2013

NEWS_135289.jpg

Roma, 16 maggio 2013, Nena News - Le voci che ieri si sono rincorse sull'uccisione di alcuni palestinesi che manifestavano nel campo profughi di Yarmouk, a Damasco, trovano conferma oggi. Sky News pubblica il resoconto di Tim Marshall, direttore di Foreign Affairs, presente alla manifestazione di ieri. Ne riportiamo la traduzione: "Sapevamo cosa stava per succedere e allora abbiamo indossato elmetti e giubbini anti-proiettile. I manifestanti sapevano cosa stava per accadere, non avevano alcuna protezione ma continuavano a camminare dritti verso la linea del fuoco.

Read more: Siria. A Yarmouk i ribelli sparano ai civili

Palestinians mark 65th Nakba anniversary - Video

Palestinians around the world are marking the 65th anniversary of al-Nakba Day - that's Arabic for "The Catastrophe".

Read more: Palestinians mark 65th Nakba anniversary - Video

25 Years of MECA, 65 Years of Nakba

 Middle East Children's Alliance, 15 May 2013

nakba65_0.jpgIt is with great pride and great sadness that we write this article. Pride because we are celebrating the 25 years of incredible work that MECA has sustained, despite the many difficult circumstances and obstacles that have come its way. Sadness because, unfortunately, we still must carry on with the work that we are doing—Palestine is not free and we now face our 65th year in struggle since the Nakba (catastrophe) of 1948.

Read more: 25 Years of MECA, 65 Years of Nakba

Additional information