L’Iran nel mirino

23 gen 2015

Era il generale dei Pasdaran iraniani Mohammad Ali Allahadadi e non gli ufficiali di Hezbollah il principale obiettivo dell’attacco aereo israeliano di qualche giorno fa a ridosso delle Alture del Golan. Tel Aviv ha voluto mandare un messaggio inequivocabile a Tehran rischiando di scatenare un conflitto. Il movimento sciita ripete che si vendicherà. L’Iran promette di armare i palestinesi

Roma, 23 gennaio 2015, Nena News – Al confine tra Libano e Israele la tensione resta alta dopo il raid aereo che ad inizio settimana ha ucciso 12 persone nella Siria meridionale, vicino Quneitra, a ridosso del Golan occupato, tra le quali il comandante militare regionale di Hezbollah, Mohammed Issa, un giovane alto ufficiale del movimento sciita, Jihad Mughniyeh (figlio dello storico capo della guerriglia di Hezbollah, Imad Mughniyeh assassinato), e un importante generale della Guardia rivoluzionaria iraniana, Mohammad Ali Allahadadi. Proprio Allahdadi, secondo la stampa araba, era l’obiettivo principale dell’attacco israeliano, e non come si era pensato, subito dopo il raid aereo, Jihad Mughniyeh.

Israele, ha scritto il quotidiano kuwaitiano al Rai, sapeva della presenza di Allahadadi nel convoglio in perlustrazione nella zona di Quneitra, e uccidendolo, aggiunge il giornale, ha mandato un messaggio molto chiaro a Tehran, impegnata assieme a Hezbollah a sostenere le forze armate governative nella guerra civile in Siria. Secondo Al Rai i servizi segreti israeliani hanno appreso della presenza del generale iraniano 90 minuti prima dell’attacco, un tempo sufficiente per decidere un piano di attacco. Probabilmente hanno saputo della partenza di Allahadadi da Damasco, avvenuta un’ora e mezza prima del raid aereo. Il giornale non lo ha scritto ma è non azzardato ipotizzare che l’intelligence israeliana si sia avvalsa di informazioni in tempo reale fornite da collaborazionisti. Israele, dopo l’inizio della guerra civile, non deve aver avuto difficoltà a trovare nuovi numerosi informatori in Siria. Di recente gli osservatori delle Nazioni Unite dispiegati sulle Alture del Golan, hanno riferito che l’esercito israeliano mantiene contatti stabili con le forze “ribelli” anti Bashar Assad che controllano in parte l’area a ridosso delle linee di armistizio del 1973-74, tra lo Stato ebraico e la Siria.

La prossima settimana il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, pronuncerà un discorso pubblico sui “martiri di Quneitra”, per ribadire la determinazione del suo movimento di vendicarsi dell’attacco subito. Per il momento Hezbollah non può far altro che giurare che risponderà al raid israeliano. L’Iran fa altrettanto – ieri un comandante della Guardia Rivoluzionaria ha ricordato che il suo paese è in possesso di missili Shihab, in grado di colpire in profondità Israele – e, allo stesso tempo, annuncia che armerà i palestinesi in Cisgiordania. «I sionisti riceveranno una risposta schiacciante a suo tempo e luogo – ha avvertito il ministro della Difesa iraniano, Hossein Dehqan – armare la resistenza palestinese è una priorità della politica della Repubblica islamica, la quale userà ogni mezzo e ogni capacità per questo fine». Proposito che si scontra con i rigidissimi controlli israeliani sul territorio, sullo spazio aereo e lungo i confini. La guerra di parole comunque non dispiace al governo israeliano che ha ordinato a centinaia di migliaia di abitanti dell’alta Galilea di restare vicini ai rifugi mentre l’esercito ha elevato al massimo lo stato di allerta al confine del Libano. In realtà Israele sa che Hezbollah la vendetta la servirà fredda e sicuramente non con il lancio di razzi dal sud del Paese e non con attacchi in massa lungo la frontiera, perchè gli fornirebbero il motivo per lanciare una offensiva contro il Paese dei Cedri, secondo round della guerra del 2006. Tel Aviv continua a mantenere il riserbo sull’accaduto. «Per quel che ne so – ha commentato con sarcasmo il ministro degli esteri Lieberman – l’esercito israeliano non c’entra. Il raid sarà stato forse opera dell’esercito del Lussemburgo o del Liechtenstein…Se sono andati in Cielo – il ministro ha irriso gli uccisi – non c’è da rattristarsi».

Il confronto tra Tel Aviv e Tehran si svolge ovunque. A cominciare dal Congresso americano a guida repubblicana che, contro la linea dell’Amministrazione Obama, intende approvare nuove sanzioni contro l’Iran, incurante del momento delicato per le trattative in corso tra Occidente e Tehran sulla produzione nucleare iraniana. Il governo israeliano senza dubbio desidera queste sanzioni. Il prossimo 3 marzo il premier Netanyahu, invitato (aggirando la Casa Bianca) a parlare davanti al Senato Usa, motiverà il suo appoggio alle nuove possibili sanzioni americane conto Tehran. A sorpresa però proprio il Mossad, il servizio segreto israeliano, non sarebbe convinto della necessità di queste ulteriori misure punitive e lo avrebbe fatto sapere ai membri del Congresso. Lo ha riferito l’agenzia americana Bloomberg. Poco convincente la smentita giunta ieri dai vertici del Mossad. Nena

 

http://nena-news.it/liran-nel-mirino/

Additional information