Dossier

Israel’s hapless bailiff

Jews for Justice for Palestinians, February 13th, 2015

The PNA’s police force crack down on protesters during a demonstration against the Israeli military action in Gaza Strip at the Beit Eil settlement near the West Bank city of Ramallah, on July 20, 2014. Photo from MEMO
The PNA’s police force crack down on protesters during a demonstration against the Israeli military action in Gaza Strip at the Beit Eil settlement near the West Bank city of Ramallah, on July 20, 2014. Photo from MEMO

From national liberation to neoliberalism: “peace” and aid in Palestine

The occupied territories are trapped in global structures of neoliberal capitalist exploitation, within which the PA and, indeed, Israel itself, increasingly resemble auxiliary nodes.

OpenDemocracy
February 12, 2014

Protests against Abbas in Brussels. Photo supplied by author
To anyone familiar with the intricacies of the Palestine-Israel conflict, accusations of corruption and authoritarianism against President Abbas and the Palestinian Authority (PA) leadership are hardly novel. Over recent months, the administration has begun to face escalated criticism. At the end of January, for example, my organisation, the Council for MENA Affairs (ForMENA), received a letter denouncing Abbas’ leadership in the strongest possible terms.

Read more: Israel’s hapless bailiff

SIRIA. La lenta agonia di Yarmouk. Così una città muore nel silenzio

Sul campo profughi palestinese, otto chilometri da Damasco, è calato il silenzio, ma i circa 18mila abitanti intrappolati nell’insediamento continuano a patire la fame, l’acqua potabile scarseggia, non si trova carburante e mancano medicinali e personale sanitario. La denuncia dell’Unrwa

articolo pubblicato su ResetDOC

Roma, 13 febbraio 2015, Nena News – Un anno fa la foto di una marea umana che faceva la fila per il cibo, inondando quel che restava di una strada tra le macerie dei bombardamenti, fece il giro del mondo. Yarmouk divenne il simbolo degli orrori della guerra in Siria. Uno degli assedi, come quelli di Homs, di Kobane, di Aleppo e di altre città e villaggi, di un conflitto che è quasi giunto al suo quinto anno e che ha provocato oltre duecentomila morti, 7,6 milioni di sfollati interni e 3,2 milioni di rifugiati all’estero.

Read more: SIRIA. La lenta agonia di Yarmouk. Così una città muore nel silenzio

War on Gaza: A promise Israeli politicians can keep

+972, January 9, 2015

 

Virov continued and stated that there is no real way of deterring Hamas in Gaza. As opposed to the Israeli leadership, he did not tell lies to the residents of the south a moment before the election. Instead he simply said: “What will the residents of Gaza be deterred from? How much worse can it get for them? If we cannot deter them so that they think twice about the next war, while also remembering the previous one, what is the point of this war in the first place?”

Read more: War on Gaza: A promise Israeli politicians can keep

Abbas boicotta Israele e vola in Svezia per offuscare il fantasma di Dahlan

10 feb 2015

L’Anp ordina ai negozianti palestinesi di rimuovere dagli scaffali i prodotti di sei compagnie israeliane. Riparte il processo per corruzione contro l’ex leader di Fatah, che dispensa denaro a Gaza per risalire la china.

Gerusalemme, 10 febbraio 2015, Nena News – Era successo nel 2010 e di nuovo nel 2012, sotto la guida dell’allora premier Salam Fayyad: il boicottaggio istituzionale palestinese dei prodotti israeliani in risposta alle violazioni compiute da Tel Aviv. All’epoca l’Anp sponsorizzò un boicottaggio dei beni prodotti nelle colonie israeliane, insediamenti costruiti nei Territori occupati e illegali secondo il diritto internazionale, come reazione al blocco israeliano del trasferimento delle tasse palestinesi nelle casse di Ramallah.

Read more: Abbas boicotta Israele e vola in Svezia per offuscare il fantasma di Dahlan

L’odissea dei Corrie: la Corte Suprema rigetta l’appello per la morte di Rachel

Ieri l’Alta Corte israeliana ha ribadito quanto sentenziato dal tribunale di Haifa: l’attivista dell’Ism schiacciata da un bulldozer morì per un “tragico incidente”. Nessuna colpa dell’esercito, la sola responsabile fu la giovane

Gerusalemme, 13 febbraio 2015, Nena News – La magistratura israeliana dice ancora no alle richieste di giustizia della famiglia Corrie. Ieri si è svolto l’ultimo atto di una tragedia lunga 12 anni, dell’odissea dalla quale i due genitori, Cindy e Craig, cercano di uscire con in mano qualcosa che dia dignità alla morte della figlia.

Read more: L’odissea dei Corrie: la Corte Suprema rigetta l’appello per la morte di Rachel

Additional information