Dossier

PALESTINA. Al via il boicottaggio di sei industrie israeliane

11 feb 2015

Da oggi i commercianti palestinesi dovranno boicottare i prodotti di sei importanti industrie alimentari israeliane. E’ la risposta dell’Anp al blocco di oltre 200 milioni di dollari palestinesi da parte del governo Netanyahu. Sul boicottaggio di Israele scontro in rete tra due fenomeni del rock anni 70, Roger Waters e Alan Parsons

– Il Manifesto

Ramallah, 11 febbraio 2015, Nena News – È uno dei tanti supermercati a conduzione familiare che, nei pressi del campo profughi di al Amari, affollano la periferia sud di Ramallah, nel punto dove si congiunge con la municipalità di al Bireh. I proprietari non hanno ancora rimosso dagli scaffali i prodotti delle sei industrie alimentari israeliane - Prigat, Elite, Strauss, Tnuva, Osem e Tabor – indicate dall’Autorità nazionale palestinese come oggetto di un boicottaggio totale a partire da oggi. Lo faranno presto garantisce il cassiere, Abu Khader. «Abbiamo sempre cercato di privilegiare le merci palestinesi perciò non abbiamo difficoltà ad aderire al boicottaggio e spero che presto venga allargato a tanti altri prodotti», ci dice. «Tuttavia – aggiunge – non sempre esistono delle alternative palestinesi alle produzioni israeliane e non sarà facile portarlo avanti». Il figlio annuisce e da parte sua sottolinea che «i generi alimentari (israeliani) sono sostituibili, almeno in parte, a differenza di altri prodotti. Il boicottaggio perciò rischia di rivelarsi poco efficace perchè limitato alle cose che si mangiano e si bevono». In altri supermercati e botteghe qualcuno ha attaccato ai prodotti delle sei industrie adesivi che spiegano ai clienti che il 16% di quanto pagheranno andrà al budget delle forze armate israeliane.

Read more: PALESTINA. Al via il boicottaggio di sei industrie israeliane

The French Muslim ignored by Israel

Haaretz, 23.01.15

3245967111.jpg

 

Bathily, the 24-year-old black Muslim immigrant, is the man who saved at least six Jews from being murdered during the terror attack at the Hyper Cacher supermarket in Paris, where he worked, by hiding them in the walk-in freezer and turning off its power switch.

Read more: The French Muslim ignored by Israel

Israel likely to withhold additional $100m in Palestinian tax funds

ynet, 05.02.15

Palestinians believe that Israel will not pass tax and custom revenues collected on behalf of the Palestinian Authority until after March elections in move likely to damage Palestinian economy.

The Media Line

Palestinian President Abbas (Photo: AFP)
Palestinian President Abbas (Photo: AFP)

Israel is set to announce that it will confiscate an estimated $100 million in taxes and customs revenues it collects on behalf of the Palestinian Authority, Palestinians say, claiming Israel will not transfer funds until after the March elections.

Read more: Israel likely to withhold additional $100m in Palestinian tax funds

Democratici boicottano la visita di Netanyahu al Congresso: “Una bravata prepotente”

11 feb 2015

Almeno 17 tra deputati e senatori hanno annunciato che non saranno in aula durante il discorso del premier israeliano il prossimo 3 marzo. Obama: “E’ inappropriato perché troppo vicino a elezioni”. E Netanyahu twitta: “Lo faccio per salvare Israele”

Roma, 11 febbraio 2015, Nena News - Tutti contro Netanyahu. Non bastava il rifiuto del presidente Usa Barack Obama di incontrare il premier israeliano il prossimo 3 marzo, quando parlerà di pericolo-Iran e sicurezza in Medio Oriente al Congresso degli Stati Uniti. Cresce di ora in ora l’elenco dei deputati democratici che hanno annunciato di voler boicottare il discorso di Netanyahu, invitato dal presidente della Camera dei Rappresentanti John Boehner lo scorso gennaio con una mossa che non è piaciuta affatto alla Casa Bianca. E il premier israeliano, come da copione, giustifica la sua visita come tentativo di “garantire la sopravvivenza della nazione”.

Read more: Democratici boicottano la visita di Netanyahu al Congresso: “Una bravata prepotente”

The economics at the heart of Israeli settlements

JERUSALEM, 5 January 2015 (IRIN)

House prices in Israel have risen rapidly for the last seven years, with the high cost of living and food prices sparking mass protests in the summer of 2011. The average apartment in Ariel costs 1,098,774 NIS (US280,537), a far cry from the Tel Aviv average of 2,363,268 NIS ($603,386).

Read more: The economics at the heart of Israeli settlements

Additional information