Gaza

Gaza, il business delle macerie (e del cemento)

Fabionews, 22.10.2014

La ricostruzione di Gaza avverrà con il cemento israeliano. Tra monopolio ed embargo, una sola società ne trarrà vantaggi: la Nesher Israel Cement Enterprises Ltd, guidata da un ex capo dell’Israel defense force

Fosse capitata in un altro momento,la ricostruzione di Gaza avrebbe fatto felice Nochi Dankner,il miliardario di Tel Aviv che fino al dicembre scorso controllava attraverso una holding la Nesher,l’unica società produttrice di cemento in Israele. Oggi che il controllo dell’azienda gli è stato sottratto da Moti Ben-Moshe,Dankner ha ben altro cui pensare.Ma per gli azionisti del cementificio l’ipotesi che il settore edile riceva un impulso anche dal “nemico”palestinese non è del tutto sgradita.Il cemento è solo una delle voci di costo di una casa,ma se anche l’indotto è controllato dalla stessa società che fornisce la materia prima,si può star sicuri che un guadagno ci sarà. E sarà israeliano,perché quando si tratta di lavorare a Gaza troppe scelte diventano obbligate.

Lire la suite : Gaza, il business delle macerie (e del cemento)

Comment Israël va faire de Gaza une maxi-prison moderne à l’américaine

Info-Palestine.net, 1er novembre 2014

On peut se demander pourquoi la reconstruction de Gaza, bombardée pour être renvoyée à l’Age de Pierre, selon les objectifs explicites de la doctrine militaire israélienne, n’a débuté, si timidement, que deux mois après la fin des combats.

Lire la suite : Comment Israël va faire de Gaza une maxi-prison moderne à l’américaine
Des Palestiniens ont dû s’abriter sous tente devant leurs appartements, détruits par l’offensive israélienne à Beit Lahiya le 11 août 2014 - Photo : Reuters/Suhaib Salem

Nazareth - D’après les données des Nations Unies, 100.000 logements ont été détruits ou endommagés, laissant 600.000 Palestiniens – soit près d’1 Gazaoui sur 3 – sans domicile ou en pleine détresse humanitaire.

Lire la suite : Comment Israël va faire de Gaza une maxi-prison moderne à l’américaine

GAZA. Accordo tra Anp e Israele per la ricostruzione

17 set 2014

L’Onu sponsorizza un accordo temporaneo per l’ingresso di materiali da costruzione nella Striscia. Dubbi sui dettagli. Resta in un angolo la questione cuore: l’assedio.

Gerusalemme, 17 settembre 2014, Nena News – Un accordo temporaneo per la ricostruzione della Striscia di Gaza, devastata da 50 giorni di violenta offensiva israeliana: è stato raggiunto ieri dalle Nazioni Unite, firmato da Autorità Palestinese e Israele. All’Onu spetterà monitorare che i materiali da costruzione entrino ma non vengano utilizzati a fini militari dalle fazioni palestinesi, ha detto al Consiglio di Sicurezza l’inviato Robert Serry.

Lire la suite : GAZA. Accordo tra Anp e Israele per la ricostruzione

SINAI. Rase al suolo le case di 1500 famiglie

01 nov 2014

Il Cairo, dopo l’attentato del mese scorso con 33 soldati uccisi, sta creando una zona cuscinetto volta ad isolare la Striscia di Gaza.

Roma, 1 novembre 2014, Nena News Un immenso cumulo di macerie. E’ ciò che resta delle case di circa 1500 famiglie egiziane evacuate nei giorni scorsi per consentire la creazione di una zona cuscinetto tra il Sinai e la Striscia di Gaza.

Lire la suite : SINAI. Rase al suolo le case di 1500 famiglie

Gaza Initial Rapid Assessment

27 August 2014

Lire la suite : Gaza Initial Rapid Assessment