Gerusalemme

Tra rabbia e dolore i giovani si riprendono Gerusalemme

24 lug 2014

Scontri da settimane in tutti i quartieri a Est, arresti e repressione da parte israeliana. Mentre le donne boicottano, i ragazzi scendono in strada verso una nuova unità di base.

– Il Manifesto

Gerusalemme, 24 luglio 2014, Nena News – Dov’è il consueto caos, l’affollamento, le voci della festa, quelle della rottura del digiuno, al tramonto? Gerusalemme ha perso il suo Ramadan, lo ha messo in un angolo, soffocata dal dolore per il massacro di Gaza. Pochissimi turisti vagano per la Città Vecchia con il cappellino per proteggersi dal sole, pochi palestinesi camminano per i vicoli con le buste della spesa per l’Iftar, la cena dopo un lungo giorno di digiuno. La città è semivuota, il suq non risuona del suono delle voci che si accavallano e delle grida dei venditori di spezie e pane.

Lire la suite : Tra rabbia e dolore i giovani si riprendono Gerusalemme

PALESTINA. Omicidio Abu Khdeir, fermati sei estremisti israeliani: tre confessano

07 lug 2014

Dopo la confessione, ora la polizia indaga sul tentato rapimento un bambino palestinese di 9 anni il giorno prima. Agli arresti domiciliari Tariq Abu Khdeir, il quindicenne con passaporto americano ripreso mentre veniva brutalmente picchiato dai soldati israeliani

 

AGGIORNAMENTO ORE 13 - Tre delle sei persone – a cui la polizia si riferisce come a degli estremisti israeliani – fermate per l’omicidio di Mohammed Abu Khdeir, il sedicenne palestinese bruciato vivo per vendetta in seguito al ritrovamento dei corpi dei tre giovani coloni scomparsi il 12 giugno, hanno confessato. A riferirlo, è stata poco fa la polizia israeliana, dopo che i tre avevano ricostruito il percorso fatto dal momento del rapimento a quello dell’uccisione in una foresta vicino a Gerusalemme. La polizia israeliana sta continuando a interrogare i sei anche sul tentativo di rapimento di Musa Zalum, nove anni.

Lire la suite : PALESTINA. Omicidio Abu Khdeir, fermati sei estremisti israeliani: tre confessano

Israel holds US boy without charge after police nearly beat him to death

The Electronic Intifada, 05/07/2014

Lire la suite : Israel holds US boy without charge after police nearly beat him to death
Fifteen-year-old Tariq Abukhdeir after Israeli police beat him. (Addameer)

 

Fifteen-year-old Palestinian-American Tariq Abukhdeir, cousin of recent lynching victim Muhammed Abu Khudair, was brutally beaten by masked Israeli police on Thursday evening in the Shuafat neighborhood of occupied East Jerusalem. He has since been arrested and held without charge and denied medical treatment, according to his family and human rights organizations.

Lire la suite : Israel holds US boy without charge after police nearly beat him to death

GERUSALEMME. L’ora della vendetta, rapito e ucciso un giovane palestinese

02 lug 2014

Il corpo senza vita di Mahmud Abu Khdeir, è stato trovato questa mattina dalla polizia israeliana in un bosco di Gerusalemme, dopo che la famiglia aveva denunciato il suo rapimento


Gerusalemme, 2 luglio 2014, Nena News – Il cadavere bruciato e con segni di violenze di un giovane palestinese, Mahmud Abu Khdeir, del campo profughi di Shuaffat, è stato trovato questa mattina dalla polizia israeliana in un bosco di Gerusalemme, dopo che la famiglia aveva denunciato il suo rapimento. Testimoni hanno riferito che il giovane è stato trascinato con la forza su di un’automobile mentre si recava a pregare in una moschea di Beit Hanina, a Gerusalemme est. Secondo le prime informazioni una telecamera di sorveglianza avrebbe ripreso l’accaduto. La pista seguita è quella di una vendetta di estremisti israeliani per il sequestro e l’uccisione di Naftali Fraenkel, Gilad Shaar e Eyal Yifrach i tre ragazzi ebrei scomparsi il 12 giugno in Cisgiordania. Ieri sera migliaia di coloni israeliani e attivisti dell’estrema destra che hanno attraversato il centro di Gerusalemme lanciandosi in una caccia all’arabo durata parecchie ore. La polizia è dovuta intervenire con forza per disperdere i manifestanti.

Lire la suite : GERUSALEMME. L’ora della vendetta, rapito e ucciso un giovane palestinese

When it comes to real estate, Jerusalem is far from united

Haaretz, 30.05.14

Lire la suite :        When it comes to real estate, Jerusalem is far from united

 

From 2008 to 2012 the number of residents in Jerusalem grew from 760,000 to 815,000 - an additional 55,000 people. Most of the gain came in the Arab community, with a 32,000 person gain over the four year period. The Jewish population grew by only 23,000.

Lire la suite : When it comes to real estate, Jerusalem is far from united