Gerusalemme

GERUSALEMME. Auto investe pedoni, per la polizia è un attacco volontario

06 mar 2015

Stamattina un’auto ha ferito vicino alla Hebrew University tre poliziotte di frontiera e due pedoni. La polizia ha aperto il fuoco sul sospetto. I parenti portati al Russian compound per un interrogatorio. Subito rafforzati i controlli in città.

AGGIORNAMENTO ore 16.15 – LE REAZIONI POLITICHE

Dopo l’attacco di questa mattina sono arrivate a stretto giro le reazioni del mondo politico israeliano. Il ministro della Sicurezza Aharonovitch ha detto durante un meeting che un simile tipo di attacchi “non può essere previsto”, ma che farà di tutto per evitarli: “Dobbiamo stare in allerta e le agenzie di intelligence devono fare il possibile per evitare questi attacchi”.

Leggi tutto: GERUSALEMME. Auto investe pedoni, per la polizia è un attacco volontario

Gli orfani politici della rivolta di Gerusalemme

14 feb 2015

ANALISI:  I 300.000 arabi palestinesi della città sono politicamente orfani e completamente privi di guida. Israele ha fisicamente separato i palestinesi di Gerusalemme est dai naturali rapporti con i loro fratelli e sorelle delle zone limitrofe, a Ramallah e Betlemme ed in Cisgiordania e Gaza.

Leggi tutto: Gli orfani politici della rivolta di Gerusalemme
Bulldozer israeliani distruggono una casa a Gerusalemme Est lo scorso maggio (Foto: MaanNews)

   Ma’an News

Roma, 14 febbraio 2015, Nena NewsPer anni le potenze che governano il Medio Oriente hanno lavorato sodo per decimare la struttura di commando di qualunque gruppo di opposizione. Gli esperti attribuiscono il successo delle tante rivolte e proteste negli ultimi tre anni ad una rivoluzione senza capi, che i governi sono stati incapaci di prevedere o fermare. In un certo modo, è ciò che sta avvenendo oggi a Gerusalemme. I 300.000 arabi palestinesi della città sono politicamente orfani e completamente privi di guida. Israele ha fisicamente separato i palestinesi di Gerusalemme est dai naturali rapporti con i loro fratelli e sorelle delle zone limitrofe, a Ramallah e Betlemme ed in Cisgiordania e Gaza.

Leggi tutto: Gli orfani politici della rivolta di Gerusalemme

Illegal at home: The story of Daoud al-Ghoul

Middle East Eye, 16 December 2014

Leggi tutto: Illegal at home: The story of Daoud al-Ghoul
Local groups say Israel's deportations of Palestinian Jerusalemites are 'unjust, illegal and inhumane' (AFP)

On Sunday 30 November, 31-year-old Daoud al-Ghoul was called to the police station in the Old City of Jerusalem. The reason, he was to discover, was to receive an order expelling him from the city for six months. On the basis of a secret file that said he was a danger to public security, he was told, Daoud was suddenly illegally present in the city he’d called home for his whole life.

Leggi tutto: Illegal at home: The story of Daoud al-Ghoul

La battaglia per Gerusalemme

Middle East Eye

Mercoledì 19 Novembre 2014

Leggi tutto: La battaglia per Gerusalemme

La battaglia potrebbe essere l'ultima lotta palestinese prima che gli ebrei israeliani si impadroniscano di Gerusalemme est, oppure la prima di uno scontro più ampio.

Leggi tutto: La battaglia per Gerusalemme

Eyeless in the West Bank: When Palestinian boys play cat and mouse with Israeli police

Haaretz, 03.01.15

Salah Suleiman is an 11-year-old fifth-grader from Isawiyah, a Palestinian village within Jerusalem’s municipal boundaries. He lost one eye after a bullet was fired at him by the Israeli police, and is now in danger of losing the sight in his other eye, too, according to physicians at Hadassah University Hospital who treated him. They recommended he apply for a certificate of blindness and request transfer to a school for the blind.

Leggi tutto: Eyeless in the West Bank: When Palestinian boys play cat and mouse with Israeli police