Oggi la nostra chef Fidaa ci propone un dolce tipico della città di Hebron, facile da preparare e molto gustoso, ma legato alle ricorrenze tristi e al culto dei morti

Ramallah, 19 settembre 2015, Nena News – Per addolcire un po’ queste giornate amare e incerte mi butto sul dolce. Si tratta di una specialità che a Hebron è legata ai morti: si offre ai parenti e ai vicini dopo un anno della scomparsa di un caro, per le feste di Al-Fitr e di Al-Adha, oppure si offre al cimitero quando i parenti vanno a visitare il defunto durante queste ricorrenze. Un po’ mi ricorda le favette dei morti che mangiavo a novembre a Padova.

C’è anche chi offre questi dolcetti in occasioni più gioiose, ma personalmente trovo strano quando mi offrono il ghraybeh in occasioni felici, sarà perché sono di Hebron. Il ghraybeh è facile e veloce da preparare.

Ingredienti:
1 bicchiere di burro morbido
1 bicchiere di zucchero a velo
2 bicchieri di farina
Un pizzico di sale
Pistacchio per guarnire, ma anche per dare un valore nutritivo più alto.

Procedimento:
Se avete il mixer mettete il burro con lo zucchero e mescolate bene fino a quando diventano una crema, poi piano piano aggiungete la farina e unl pizzico di sale, amalgamando molto bene il tutto per ottenere un impasto come quello della frolla. Lasciate riposare l’impasto per 30 minuti. Fate delle piccole palline con le mani, appoggiate sopra un pistacchio su ciascuna e schiacciatela con delicatezza.

Su una teglia coperta con carta da forno sistemate i dolcetti lasciando un piccolo spazio largo come un dito tra un pezzo e l’altra, infine infornateli in forno a 150°  per 10 minuti. Se volete fargli prendere colore, lasciateli per altri 10 minuti. A me piacciono cotti per 10 minuti.

Buon appetito,

Fidaa

 

http://nena-news.it/sapori-e-identita-un-ghraybeh-per-addolcire-una-giornata-amara/