Ieri nell’ormai consolidato appuntamento con la radio indipendente romana abbiamo discusso della situazione dell’Egitto a 5 anni da Piazza Tahrir, tra desaparecidos e repressione delle voci critiche.

egitto

Roma, 9 febbraio 2016, Nena News – Nel consueto appuntamento del lunedì con Radio Citttà Aperta, durante la trasmissione “Note e Notizie”, Pablo Castellani ha dialogato con il nostro direttore Michele Giorgio sulla situazione dell’Egitto a cinque anni dalla rivoluzione del 25 gennaio. Un regime che – con l’impunità garantitagli dalla lotta all’Isis e l’alleanza con l’Occidente – si ripete uguale a se stesso e che si incattivisce, reprimendo con la violenza e l’uso politico di polizia e serviti segreti ogni voce critica, che si tratti delle opposizioni islamiste o degli attivisti laici di Piazza Tahrir.

Buon ascolto!

{mp3remote}http://nena-news.it/wp-content/uploads/2016/02/michele-giorgio-8-2-2016-new.mp3?_=1{/mp3remote}

 

http://nena-news.it/nena-news-su-radio-citta-aperta-egitto-una-dittatura-che-si-riproduce/