Print
Category: Italia

2/10/2017

La prestigiosa corsa a tappe nel 2018 avrà inizio nella Città Santa nonostante le proteste palestinesi. Successo politico e diplomatico enorme per Israele

I ciclisti Basso e Contador a fianco del sindaco di Gerusalemme Nir Barkat e Sylvan Adams, il presidente del Giro101. (Fonte foto: account ufficiale Twitter del Giro d'Italia)

I ciclisti Basso e Contador a fianco del sindaco di Gerusalemme Nir Barkat e Sylvan Adams, il presidente onorario del comitato Grande Partenza Israele. (Fonte foto: account ufficiale Twitter del Giro d’Italia)

 – Il Manifesto

Gerusalemme, 2 ottobre 2017, Nena News – «Oh, quanta strada nei miei sandali/Quanta ne avrà fatta Bartali/Quel naso triste come una salita/Quegli occhi allegri da italiano in gita…», canta Paolo Conte esaltando, in un suo celebre brano, le imprese di Gino Bartali e la bellezza del ciclismo. Nemmeno con la sua immensa creatività il cantautore poteva, mentre scriveva il testo della canzone, immaginare che un giorno il Giro d’Italia, la corsa a tappe più famosa al mondo insieme al Tour de France, potesse prendere il via da Gerusalemme.

 

da nena-news.it/israele-il-giro-rosa-ignora-il-conflitto-e-prende-il-via-da-gerusalemme/