January 10, 2018

Parla Ariel Gold, direttrice di Code Pink, una delle 20 organizzazioni legate al movimento del Bds inserite nella lista nera annunciata domenica dal ministro israeliano degli affari strategici Gilad Erdan

Foto tratta dal sito di Code Pink (http://www.codepink.org)

Foto tratta dal sito di Code Pink (http://www.codepink.org)

 il Manifesto

Gerusalemme, 10 gennaio 2018, Nena News – Ha risposto subito alla nostra mail Ariel Gold, direttrice di Code Pink, organizzazione statunitense di donne che si batte contro la guerra e il militarismo americano. Da anni Code Pink porta avanti una campagna incessante contro l’impiego dei droni e di denuncia dell’uccisione di migliaia di civili in Asia e Medio Oriente da parte degli Usa nella cosiddetta “guerra al terrorismo”. In Medio oriente Code Pink chiede giustizia, libertà e diritti umani per i palestinesi sotto occupazione israeliana. «Siamo sconvolti ma non sorpresi – scrive Ariel Gold al manifesto – del rilascio da parte di Israele di una lista nera di organizzazioni che sostengono il movimento Bds per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni in nome dei diritti dei palestinesi». Gold è una ebrea e la sua famiglia vanta una storia antica e importante – è una discendente del rabbino Joseph Karo autore nel XIV secolo del “Shulchan Aruch” – ma è anche un’antisionista e oppositrice delle «politiche repressive di Israele nei confronti dei palestinesi». Un anno fa, racconta, mentre a Hebron denunciava la condizione di migliaia di palestinesi nella zona H2 della città fu aggredita da alcuni coloni israeliani che le urlarono di «andare ad Auschwitz».

 

da nena-news.it/opinione-israele-precipita-nel-razzismo-e-nellestremismo-di-destra/