13 luglio 2017

Cara Onorevole Mogherini, a nome della Rete Ebrei Contro l'Occupazione ( ECO), La prego di prender nota della nostra solidarietà con Arthur Goodman e l'Associazione EJJP di cui siamo parte nel chiedere i più efficaci provvedimenti per salvare dalla distruzione la Scuola di Gomme di Khan-Al Ahmar costruita e attivata dalla nostra ONG Vento di Terra, e contro la politica oppressiva e micidiale di Israele nei riguardi dei Palestinesi tutti. Molto cordialmente, Giorgio Forti

 

Fwd: Letter regarding Kahn Al-Ahmer and E1

13 juil.

Dear Ms. Mogherini,

Please [see] a letter asking you to take action to stop the demolitions at Khan Al-Ahmar [....]

 

 

12 July 2018

Federica Mogherini

High Representative and Vice-President, European Commission

Dear Ms. Mogherini,

The residents of the small West Bank village of Kahn Al-Ahmar School Community, aided by Israeli and other activists, have been protesting against the demolition of their village for months. They have also applied unsuccessfully to Israeli courts several times to stop the demolition. However, it was only the intervention of the European Union, a few important governments and the United Nations that caused the Israeli High Court to reverse its earlier decisions and halt the demolition work while it reconsiders the issue. The Court has given the Israeli government until 16 July to present its case for carrying out the demolition.

July 17th, 2018

Contact: Sonya E Meyerson-Knox | Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser. | 929-290-0317

Jewish Voice for Peace proud to stand in global solidarity against harmful definition of antisemitism and with human rights and freedom to protest

 From South Africa to Sweden, New Zealand to Germany to Brazil, for the first time ever came together in a condemning attempts to stifle criticism of Israel. The statement warns of a growing trend of legislative campaigns to target organizations that support Palestinian rights, particularly the nonviolent Boycott, Divestment and Sanctions (BDS) movement.

25 maggio 2018

Sul Messaggero del 24 maggio è comparso un articolo fuorviante a firma Marco Pasqua sulla campagna #Cambiagiro, e sul problema palestinese. Chi scrive se la prende contro le persone che in Italia dimostrano, giustamente, contro i “padroni” del Giro ciclistico d’Italia (La Gazzetta dello Sport, del grande gruppo editoriale Rizzoli-Corriere Della Sera) e i loro complici politici italiani e israeliani. Quest’anno hanno deciso di far iniziare il Giro d’Italia a Gerusalemme, su invito del governo israeliano, così facendo propaganda a favore della politica di oppressione di Israele nei confronti dei palestinesi. Negli stessi giorni, a Gaza, l'esercito israeliano apriva il fuoco contro manifestanti palestinesi civili e disarmati che partecipavano alla Grande Marcia del Ritorno. Si tratta di una manifestazione volta sia a protestare contro il blocco della Striscia di Gaza, che dura ormai da 11 anni, e che mette a dura prova la capacità di sopravvivenza degli abitanti di Gaza, sia a riaffermare il loro diritto a tornare alle loro terre da cui erano stati cacciati negli anni 1947-48.

Mediapart, 18 juil. 2018

La Nation éxiste dans les deux versions, laïque et réligeuse, peu différentes en aggressivité et limitations de la liberté personnelle. Israel est un éxample de transition de la Nation séculaire de ses origines à la Nation religieuse fondamentaliste d'aujourd'hui: la persécution raciste des Palestiniens a été une costante devenue plus féroce après la transition "religieuse".

16 aprile 2018

... lo Stato d’Israele compirà 70 anni. Se per molti ebrei la memoria del maggio ‘48 sarà quella di una rinascita portentosa dopo la Shoà e un’oppressione subita per molti secoli, i palestinesi vivranno lo stesso passaggio storico ricordando con ira e umiliazione la , la “catastrofe”: famiglie disperse, esistenze spezzate, proprietà perdute, il tragico inizio dell’esodo di una popolazione civile di oltre settecentomila persone.

Molto problematica è in particolare oggi la situazione di Gerusalemme, città che Israele, dopo averne annesso la parte orientale, celebra come “capitale unita, eterna e indivisibile”. Tale statuto, oltre a non essere riconosciuto dalla stragrande maggioranza dei governi mondiali, secondo i dettami dell’accordo di Oslo del 1993 doveva essere oggetto di negoziati fra le parti in causa. Gerusalemme Est resta quindi, secondo le norme internazionali, una città occupata con i suoi 230.000 ebrei che vi abitano in aperta violazione delle suddette norme.