Salute internazionale, 18 settembre 2017

 

Come successo all’African National Congress (ANC) in Sudafrica e ai paesi dell’ex-blocco sovietico, anche la Palestina occupata è rimasta vittima dell’irresistibile “logica” della globalizzazione neoliberista attraverso una shock therapy [...] che l’ha vista improvvisamente divenire, all’insaputa della maggioranza della sua popolazione, un caso emblematico di neoliberismo autoritario.

Il documento programmatico del 2009 per la creazione dello stato palestinese, [...] comprensibilmente elogiato da Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale (FMI), assicura che “la Palestina si baserà sui principi di un’economia di libero mercato”. Nel contesto di una crisi storica di legittimità del movimento nazionale palestinese con divisioni politiche interne senza precedenti, il programma, redatto da un governo non eletto e guidato da un primo ministro, Salam Fayad, espressione diretta del FMI, delinea una strategia apparentemente autonoma per raggiungere la forma di stato fondato sulla ortodossia neoliberista fatta di tagli delle spese pubbliche, liberalizzazione del commercio, privatizzazione delle imprese statali [....]

In realtà la Palestina occupata offre un esempio paradossale di come un regime economico neoliberista sotto il giogo coloniale finisca per dar luogo a una captive economy. [...]