Imprimer
Catégorie : Società civile palestinese

Oggi la nostra chef Fidaa ci presenta uno dei dolci palestinesi più squisiti e noti. Ideale nel mese sacro di Ramadan dove si è soliti finire il pasto con un dolcetto

IMG_5226

Ramallah, 27 giugno 2016, Nena News – Non si può venire in Palestina senza fermarsi in una pasticceria a mangiare il knafeh. Soprattutto se vi trovate a Nablus, la città regina dei dolci qui da noi, in cui potrete gustare il migliore knafeh di tutta la Palestina. Mancano ormai solo 10 giorni alla fine del Ramadan, il mese sacro islamico in cui, tra le varie usanze, si è soliti finire il pasto con un dolcetto sia se si è a casa che fuori. Approfittando di questa abitudine, la pasticceria vicino casa mia è sempre affollata di sera. Vanno a ruba tutti i tipi di dolci palestinesi, ma quello più venduto resta il knafeh perché è offerto caldo appena tolto dal fornello. In Palestina si usa il formaggio Akkawi o Nablousi, noi qui lo facciamo con la pasta kataifi e con formaggi diversi.

Gli ingredienti:

500 g di pasta kataifi
300 g di mozzarella (senza acqua)
200 g di formaggio spalmabile
300 g di burro chiarificato
1 cucchiaino di colorante alimentare di colore arancione

Per guarnire:

Pistacchio tritato
500 ml di ater

Procedimento:
Sbriciolate in una ciotola la mozzarella e mescolatela con il formaggio spalmabile molto bene. Mettete la pasta kataifi su una teglia e seccatela in forno a 180°C per quasi 10 minuti poi sbriciolatela con le mani o nel robot e mescolatela con il burro chiarificato aggiungendo il colorante. Su un vassoio con i bordi bassi di circa 40 cm di diametro sistemate i 3/4 di pasta kataifi e aggiungete sopra il formaggio. Pre scaldate il forno a 190°C e infornate il knafeh per circa 20 minuti, fino a quando la pasta non avrà un colore dorato uniforme. Infine rovesciate il knafeh sul vassoio da portata che deve essere più grande di quello usato per cuocerlo e versate l’ater. Servite il dolce caldo guarnito con il pistacchio tritato
Buon dolce!!
Fida

 

http://nena-news.it/sapori-e-identita-da-nablus-il-delizioso-knafeh/