IRAN. L’Arabia saudita e altri Paesi del Golfo guardano con grande diffidenza ad un’intesa che, a loro dire, aiuterà Tehran ad espandere la sua influenza.

saudi

Roma, 16 luglio 2015, Nena News – Il premier israeliano Benyamin Netanyahu non è solo nella critica durissima che porta all’accordo sul programma nucleare iraniano sottoscritto a Vienna da Tehran e dai Paesi del gruppo 5+1 (i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu più la Germania). A dare forza alla protesta del leader del governo di destra alla guida di Israele, ci sono alcuni Paesi arabi che hanno accolto con grande diffidenza l’accordo che interrompe l’isolamento internazionale dell’Iran e che, a loro dire, potrebbe espandere “l’influenza sciita” nella regione.

Ci riferiamo alle monarchie sunnite del Golfo. I regnanti di questi Paesi temono che la fine delle sanzioni internazionali, che per anni hanno strangolato le potenzialità economiche dell’Iran, offrirà a Tehran l’opportunità per un ulteriore sviluppo della sua influenza in Medio Oriente.

La regione da anni è paralizzata da uno scontro a distanza tra le petromonarchie – peraltro accusate da più parti di sostenere in varie forme i gruppi qaedisti e jihadisti che agiscono nell’area – e la Repubblica islamica iraniana. I monarchi del Golfo, in particolare i sauditi, combattono indirettamente l’Iran in Siria dove le proteste popolari del 2011 si sono trasformate in una guerra civile e infine in un conflitto tra le potenze regionali e tra i musulmani sunniti e sciiti. Senza dubbio il sostegno di Tehran a Damasco ha contribuito a puntellare l’esercito siriano sfiancato da quattro anni di combattimenti contro jihadisti e qaedisti e tanti altri nemici, sempre più armati.

   I sauditi da mesi sono impegnati in una pesante campagna aerea in Yemen contro i ribelli sciiti Houthi, appoggiati dall’Iran. E Riyadh gioca un ruolo determinante anche a sostegno dei sunniti iracheni schierati contro il governo centrale di Baghdad che ritengono “controllato” dall’Iran.

“La tensione nella regione, non è certo finita”, ha commentato Abdulkhaleq Abdullah, un professore di scienze politiche alla United Arab Emirates University, “se l’Iran crescerà come potenza regionale penso che vivremo momenti difficili”. “Questo accordo, dal nostro punto di vista, rappresenta una minaccia indiretta agli interessi arabi e alla pace”, ha aggiunto da parte sua Tariq Al-Shammari, un analista saudita e presidente del Consiglio del Golfo per le Relazioni Internazionali.

Dietro le quinte le monarchie sunnite lavoreranno per cercare di tenere l’Iran isolato politicamente ed economicamente. L’Arabia Saudita si è già mossa per migliorare i rapporti con la Russia, alleata dell’Iran, allo scopo di allentare le relazioni tra Mosca e Tehran e di spingere Vladimir Putin ad interrompere all’aiuto militare alla Siria.

Tuttavia, a differenza dell’Arabia saudita, altre monarchie del Golfo hanno cercato, almeno ufficialmente, di mostrare una posizione più aperta. Gli Emirati Arabi Uniti, che hanno legami commerciali di lunga data con Tehran, e l’emiro del Kuwait, che ha visitato Teheran lo scorso anno, nel tentativo di migliorare le relazioni bilaterali, hanno subito inviato messaggi di congratulazioni all’Iran ed espresso la speranza che l’accordo di Vienna contribuisca alla sicurezza regionale e alla stabilità.

Da parte sua l’Egitto, attraverso il portavoce del ministero degli esteri, Badr Abdelattie, ha espresso l’auspicio che l’accordo con l’Iran rappresenti “un passo verso una regione esente da armi nucleari”. E’ un punto sul quale batte da lungo tempo il Cairo che denuncia la presenza, tenuta sino ad oggi segreta, di armi atomiche in Israele, paese che non ha ancora firmato il Trattato di non proliferazione nucleare.

Un clima ben diverso si respira a Damasco dove si spera in un maggiore aiuto dell’Iran, economico e militare, una volta che Tehran sarà libera dalle sanzioni. Il presidente siriano Bashar Assad si è affrettato a congratularsi con il leader supremo iraniano Ali Khamenei e il presidente Hassan Rouhani. Nel messaggio indirizzato a Khamenei, Assad ha descritto l’accordo come “una grande vittoria” ottenuta da Iran e una “svolta storica” ​​nella storia della regione e del mondo. “Siamo certi che la Repubblica islamica dell’Iran continuerà, con maggiore slancio, a sostenere le giuste cause delle nazioni”, ha scritto.

Ottimismo anche a Baghdad. Saad al-Hadithi, portavoce del primo ministro (sciita), Haider al-Abadi, ha descritto l’accordo “un catalizzatore per la stabilità regionale”, che porterà ad una migliore unità nella lotta contro il terrorismo. Decisamente più cauto il deputato sunnita Hamid al-Mutlaq. “Speriamo ora di vedere una interferenza iraniana positiva, non negativa della regione”, ha detto.

A dir poco rabbiosi sono i militanti sunniti più radicali che parlano di “acquiescenza alla diffusione del potere iraniano”. Un importante religioso saudita, Salman al-Ouda, ha avvertito in un tweet che “l’Iran si sta muovendo secondo una visione chiara e ben studiata, che tende ad assorbire i suoi avversari. Dove sono i governi arabi? Dove si trova il loro progetto alternativo per affrontare la sfida?”.

 

 

 http://nena-news.it/netanyahu-non-e-solo-anche-sauditi-infuriati-per-accordo-vienna/