3/11/2017

Parla il docente Roberto Mazza dell’università di Limerick, ieri a Gerusalemme. «Per alcuni quella dichiarazione britannica è stata un gesto umanitario ma accademici e commentatori convergono che fu parte di una politica coloniale»

Betlemme. Palestinesi, che manifestano nei pressid el Muro israeliano, colpiscono un manichino somigliante ad Arthur Balfour (foto Reuters)

Betlemme. Palestinesi, nei pressi del Muro israeliano, colpiscono un manichino somigliante ad Arthur Balfour (foto Reuters)

AGGIORNAMENTO

Netanyahu: uno Stato sovrano palestinese non funzionerebbe

Secondo il premier israeliano Netanyahu uno Stato sovrano palestinese “non funzionerebbe” e sarebbe destinato a fallire. Il quotidiano Haaretz riferisce che Netanyahu parlando a Londra, dove ieri ha partecipato alle celebrazioni britanniche per il centenario della Dichiarazione Balfour,   ha detto che occorre ripensare al modello di sovranità conosciuto sino ad oggi, di fronte “al fallimento” di tanti Stati in giro per il mondo.

————————————————————————————————————————————————————————–

Haaretz, Nov 13, 2017

J Street U drew inspiration from the success of the international campaign, in which her organization participated, to prevent demolitions and evictions in the Palestinian West Bank village of Sussia, located in the South Hebron Hills. Last month, a delegation of U.S. Congressional leaders met with residents of Sussia during a visit organized by J Street. The Israeli Supreme Court is slated to rule later this week on whether demolitions will go ahead in the village.

Forward, October 24, 2017

AIPAC may have secretly written your rabbi’s sermon.

Nov 14, 2017

La délégation était composée de sept élus, dont quatre députés, issus du Parti communiste et de La France Insoumise. Elle disait vouloir rencontrer Marwan Barghouthi, haut cadre du Fatah emprisonné depuis plus de quinze ans par Israël.

9/10/2017

Il presidente americano congela il trasferimento della sede diplomatica Usa da Tel Aviv a Gerusalemme e fa arrabbiare gli israeliani. I dirigenti palestinesi sono soddisfatti ma un nuovo cambio di rotta di Washington è dietro l’angolo

trump

AGGIORNAMENTI

ORE 11.15 Altre 3mila case per i coloni israeliani in Cisgiordania

Il governo Netanyahu si appresta a dare il via libera alla costruzione di almeno 3.000 case nella Cisgiordania palestinese occupata. I nuovi alloggi saranno costruiti anche all’interno delle colonie di Hebron. Lo riferisce la radio militare israeliana. E’ prevista nei prossimi giorni una riunione del Comitato di programmazione civile per l’attuazione concreta delle nuove costruzioni. Secondo il portale d’informazione Ynet, questo progetto avrebbe l’approvazione dell’amministrazione Trump.

————————————————————————————————————————————————