17/2/2017

Gli Stati Uniti ammettono l’uso di uranio impoverito in raid del 2015. Intanto ad Astana il dialogo si chiude senza un accordo sulla tregua

iraqrecords2-afp2

Roma, 17 febbraio 2017, Nena News – Ieri l’atteso vertice di Astana, il secondo promosso da Russia, Turchia e Iran, è stato archiviato senza grossi risultati. Un accordo definitivo sul cessate il fuoco non è stato raggiunto. Secondo fonti sentite dal quotidiano Asharq al-Awsat, il comunicato finale avrebbe dovuto contenere un protocollo – redatto dai russi – che però governo e opposizioni non hanno firmato: procedure per individuare eventuali violazioni della tregua e misure per prevenirle, accanto a sanzioni verso i responsabili.

Nessuna firma, però, perché restano, dicono fonti arabe, “profonde divisioni nella visione dei due principali sponsor, Turchia e Russia”. In particolare Ankara non avrebbe dato il via libera ad alcuni criteri di monitoraggio della tregua

Unico elemento in più è stata la promessa di Mosca di non bombardare più le zone controllate dalle opposizioni, così da facilitare un eventuale scambio di prigionieri, come proposto nei giorni scorsi da Damasco. Da parte loro le opposizioni, per bocca dell’Alto Comitato per i Negoziati (federazione creata dall’Arabia Saudita nel dicembre 2015 e inizialmente rimasta fuori da Astana), confermano la presenza all’incontro del prossimo giovedì, il 23 febbraio, a Ginevra sotto l’egida Onu. Più dura la delegazione governativa: l’ambasciatore siriano all’Onu e capo negoziatore, Bashar al-Jaafari, ha accusato i gruppi anti-Assad e la Turchia di “boicottaggio del meeting di Astana” e chiesto il ritiro delle truppe turche dal nord della Siria.

Le truppe di Ankara sono presenti ormai da agosto 2016, senza provocare particolari resistenze da parte governativa. Ora, però, la battaglia di al-Bab si fa più stringente – con i turchi che ieri annunciavano l’ingresso nella città di frontiera – e la possibilità di un faccia a faccia tra esercito governativo e unità dell’Esercito Libero Siriano più probabile.

Gli Stati Uniti, esclusi da Astana, non commentano. Ma parlano: due giorni fa il Pentagono ha ammesso l’uso di proiettili ad uranio impoverito in almeno due raid contro l’Isis a novembre 2015. Oltre 5mila proiettili Pgu-14 da 30 millimetri avrebbero colpito dei convogli dello Stato Islamico che, secondo il Dipartimento della Difesa Usa, venivano usati per trasportare petrolio. Il Pentagono è stato costretto ad ammetterlo dopo che il think tank Foreign Policy ha citato fonti interne che parlavano dell’utilizzo dell’arma, non ufficialmente vietata dal diritto internazionale e di guerra, ma considerato estremamente pericolosa per i civili.

Il caso esplose qualche anno dopo la guerra nei Balcani, all’inizio del nuovo millennio, quando militari italiani di ritorno da Kosovo e Bosnia Erzegovina cominciano ad ammarlarsi. I due paesi erano stati bombardati dalla Nato con proiettili all’uranio impoverito, derivante da materiale di scarto delle centrali nucleari e utilizzato per la sua consistente capacità di perforazione. Ma l’esplosione di quei proiettili rilascia nell’aria nano-particelle di metalli pesanti, responsabili di malattie croniche gravi sul lungo periodo.

L’uranio impoverito è stato ampiamente usato anche in Medio Oriente: in Iraq medici e scienziati hanno registrato nel tempo un aumento innaturale e repentino dei casi di tumori e malformazioni alla nascita, leucemia, anemia, il collasso del sistema immunitario, a causa dell’uso da parte Usa di armi chimiche e uranio impoverito.

Immediata, dunque la reazione, delle organizzazioni internazionali: “Siamo rimasti senza parole nel sentire che è stato usato in Siria”, ha commentato Doug Weir, coordinatore della Coalizione per Bandire le armi a uranio. L’Onu – nonostante non sia stato ancora messo fuorilegge – lo ha definito nel 2014 “estremamente pericolo per gli esseri umani e l’ambiente”. Nena News

Chiara Cruciati è su Twitter: @ChiaraCruciati

 

nena-news.it/siria-pentagono-abbiamo-usato-uranio-impoverito/